Pubblicato da: Massimo Calabrò | 26 settembre, 2008

Reggio Calabria, l’ex casa comunale di Villa San Giuseppe sarà recuperata

 Image Hosted by ImageShack.us

La foto che vedete si riferisce all’ex casa comunale di Villa S. Giuseppe, centro che fu comune sino al 1927 sin quando venne inglobato nel progetto della “Grande Reggio“. Oggi fa parte del territorio dell’ottava circoscrizione di Reggio Calabria e rappresenta una realtà agricola attiva in particolare nel settore agricumicolo, sia pur in declino negli ultimi anni a causa della crisi del settore. Questa mattina alla presenza dell’assessore comunale all’urbanistica Demetrio Porcino, sono stati consegnati i relativi al recupero e rifunzionalizzazione parziale dell’ex casa comunale di Villa San Giuseppe che dovranno essere completati entro 180 giorni. I lavori fanno parte di un piu’ ampio progetto, cioe’ “Il Parco-Laboratorio della sostenibilita’ e della partecipazione nella Vallata del Gallico”, che il Comune di Reggio Calabria assieme a quelli di Santo Stefano, Calanna e Sant’Alessio, hanno predisposto secondo il bando della Regione Calabria. Lo stabile riqualificato ospiterà anche un info-point, una saletta espositiva dei prodotti tipici della Vallata, e una stanza destinata alle attivita’ del locale laboratorio territoriale.

Il progetto della Grande Reggio, sintesi:

Il concetto di Grande Reggio – ovvero la Reggio Calabria che si estende da un capo all’altro tra le spiagge di Pellaro a quelle di Scilla – risale al 1927, quando vennero accorpati nel capoluogo quattordici comuni fino ad allora autonomi e che oggi sono quartieri e sobborghi periferici che, come allora, facevano parte dell’ hinterland del centro cittadino e dell’intera area dello stretto calabrese. Il comune di Reggio Calabria avanzò richiesta al Governo Nazionale Fascista che il suo territorio fosse ampliato in modo da comprendere i comuni di Cannitello, Villa San Giovanni, Campo Calabro, Fiumara, Catona, Salìce, Villa San Giuseppe, Rosalì, Sambatello, Gallico, Podargoni, Cataforìo, Gallina e Pellaro. Il progetto della Grande Reggio ebbe avvio, ma non portò i risultati sperati, ne fu causa il rapido distaccamento di Villa San Giovanni e dei centri limitrofi, che non ottennero i risultati promessi. Con decreto governativo del 26 gennaio 1933 Villa San Giovanni tornò a essere comune autonomo, comprendendo da quella data anche Cannitello, Campo Calabro e Fiumara. Nel 1947 Campo Calabro e Fiumara tornarono comuni autonomi.

per  approfondimenti: http://it.wikipedia.org/wiki/Grande_Reggio

Foto di Giusy Ciprioti

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: