Pubblicato da: Massimo Calabrò | 20 ottobre, 2008

Reggio Calabria, otto ordinanze in materia di sicurezza pubblica

 

Sono otto  i provvedimenti varati a Reggio Calabria a seguito della legge n.125 del 24 luglio 2008, che assicura nuovi strumenti operativi per i primi cittadini e assegna funzioni più incisive anche alla polizia municipale. Riguardano in città lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio con impiego di minori e disabili e i fenomeni di violenza legati anche all’abuso di alcool“. Il primo cittadino puo’ inoltre intervenire per prevenire e contrastare situazioni come “il danneggiamento al patrimonio pubblico e privato o che ne impediscono la fruibilità e determinano lo scadimento della qualità urbana: l’incuria, il degrado e l’occupazione abusiva di immobili. Ed ancora, “le situazioni che costituiscono intralcio alla pubblica viabilità e che alterano il decoro urbano, in particolare quelle di abusivismo commerciale e di illecita occupazione di suolo pubblico; i comportamenti che come la prostituzione su strada o l’accattonaggio molesto possono offendere la pubblica decenza”.
Vediamo nei dettagli le singole ordinanze:

Ordinanza n. 89 del 9 Ott. 2008 – Contrasto alla occupazione illecita di suolo pubblico
In tutto il territorio comunale è vietato occupare suolo pubblico da parte dei titolari degli esercizi commerciali di vicinato e delle medie e grandi strutture di vendita con esposizione di prodotti alimentari e non alimentari.  In caso di violazione della presente ordinanza, senza pregiudizio per l’azione penale, è prevista la sanzione pecuniaria dell’importo compreso tra € 25,00 ed € 500,00 con pagamento in misura ridotta dell’importo di € 300,00, nonché la sanzione accessoria della confisca della merce e delle attrezzature o delle cose utilizzate per commettere la violazione. A tal fine, l’organo di polizia procede, senza indugio, al sequestro amministrativo della merce e delle attrezzature stesse. In caso di reiterazione delle violazioni, ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative sopra specificate, verrà disposta la sospensione dell’attività commerciale per un periodo di tre giorni ai sensi della normativa vigente.

Ordinanza n. 90 del 9 Ott. 2008 – Contrasto all’attività di ‘lavavetri’

E’ fatto divieto su tutto il territorio comunale, lungo le strade cittadine e presso i semafori, di avvicinarsi alle automobili con l’intento di pulirne i vetri o i fari al fine di conseguire elargizioni in danaro da parte dei  conducenti. Si dispone che, qualora gli Organi preposti accertino la presenza di persone all’attività sopra descritta, si provveda all’identificazione delle stesse ed alla segnalazione dell’evento ai Servizi Sociali che attueranno idonei e tempestivi interventi assistenziali. Ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste dalle leggi in vigore, la violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di:
– una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25,00 ad euro 500,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento, in misura ridotta, della somma di euro 300,00;
– la sanzione accessoria della confisca amministrativa del denaro provento della violazione e di eventuali attrezzature impiegate nell’attività, previo sequestro cautelare ai sensi della normativa vigente.

Ordinanza n. 91 del 9 Ott. 2008 – Contrasto al danneggiamento, deturpamento e imbrattamento immobili

Con decorrenza immediata è vietato effettuare graffiti, scritte, danneggiamenti o altri atti vandalici sui muri e sugli edifici, su beni privati e pubblici, come ad esempio cabine, aree verdi, panchine, segnaletica, arredo urbano, veicoli, monumenti, impianti sportivi. Con decorrenza immediata è fatto divieto a tutti gli operatori commerciali, titolari di attività di vendita su area privata e pubblica, di vendere ai minori di anni 18 (diciotto) bombolette di vernice spray. Agli operatori di cui al presente punto è fatto obbligo annotare su apposito registro, che dovrà essere a disposizione su richiesta degli agenti e ufficiali di polizia giudiziaria, le generalità degli acquirenti di bombolette di vernice spray o articoli similari, idonei ad effettuare scritte sui muri. Ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste da leggi e regolamenti, la violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso tra € 25,00 ed € 500,00 con pagamento in misura ridotta dell’importo di € 300,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento di detta somma.

Ordinanza n. 92 del 9 Ott. 2008 – Obblighi di condotta per i proprietari e i detentori di cani

Dalla data della presente ordinanza è fatto obbligo a tutti i proprietari e conduttori di cani, nell’accompagnamento degli stessi su strade pubbliche o aperte al pubblico, nei giardini pubblici e nelle zone destinate al verde pubblico: di munirsi di paletta o altra idonea attrezzatura per l’eventuale raccolta delle deiezioni canine; tale attrezzatura dovrà essere esibita su richiesta degli organi di vigilanza; di provvedere alla immediata e totale rimozione delle defecazioni facendo uso della suddetta attrezzatura; di depositare quindi le feci in idonei involucri o sacchetti richiudibili, e comunque impermeabili ai liquidi, e di smaltirle; Il personale di vigilanza è tenuto ad accertare che gli accompagnatori degli animali dimostrino il possesso in loco dell’attrezzatura suddetta. E’ fatto, altresì, obbligo ai proprietari e ai conduttori di cani quando si trovano in luogo pubblico o aperto al pubblico: di condurre i cani al guinzaglio; di munire i cani di indole mordace o pericolosa, oltre che di guinzaglio, anche di museruola; di non introdurre cani, ancorché al guinzaglio, nelle aree attrezzate per il gioco dei bambini. Fatta salva l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste dalle leggi in vigore, la violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25,00 ad euro 500,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento, in misura ridotta, della somma di euro 300,00.

Ordinanza n. 93 del 9 Ott. 2008 – Contrasto alla sosta ed allo stazionamento di caravan, autocaravan

In tutto il territorio comunale è vietato stazionare con caravan, autocaravan, camper e simili mezzi mobili di pernottamento, in forma singola o collettiva, allestendo un accampamento anche mediante l’occupazione di suolo pubblico con vettovaglie, biancheria, ecc. e con altri strumenti utilizzati per la realizzazione di un “campo”. Ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste da leggi e regolamenti, la violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso tra € 25,00 ed € 500,00 con pagamento in misura ridotta dell’importo di € 300,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento di detta somma. All’atto della contestazione i trasgressori sono tenuti a rimuovere eventuali rifiuti e quant’altro occupi il suolo pubblico ed a cessare il comportamento vietato. Nel caso non venga effettuato il ripristino dei luoghi, provvederà il Comune a spese dei trasgressori previste in euro 100,00 per la chiamata d’intervento del personale incaricato, aumentate di euro 50,00 per ogni periodo minimo, rapportato alla mezz’ora, nel quale il   personale   rimane impegnato nelle operazioni di pulizia e di rimozione. Resta salva la possibilità per gli organi accertatori di procedere al sequestro cautelare delle cose che servirono o furono destinate a commettere la violazione o che ne sono il prodotto.

Ordinanza n. 94 del 9 Ott. 2008 – Contrasto alla prostituzione su strada

In tutto il territorio comunale è vietato a chiunque contrattare ovvero concordare prestazioni sessuali a pagamento, oppure intrattenersi, anche dichiaratamente solo per chiedere informazioni, con soggetti che esercitano l’attività di meretricio su strada o che per l’atteggiamento, ovvero per l’abbigliamento ovvero per le modalità comportamentali manifestino comunque l’intenzione di esercitare l’attività consistente in prestazioni sessuali. E’ fatto, inoltre, divieto di assumere atteggiamenti, modalità e comportamenti ovvero indossare abbigliamenti che manifestino inequivocabilmente l’intenzione di adescare o esercitare l’attività di meretricio. Qualora il trasgressore si trovi a bordo di un veicolo, la violazione si concretizza con la semplice fermata per consentire di contattare il soggetto dedito al meretricio ovvero di permettere la salita sul proprio veicolo. Ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste da leggi e regolamenti, la violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso tra € 25,00 ed € 500,00 con pagamento in misura ridotta dell’importo di € 300,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento di detta somma. Resta salva la possibilità per gli organi accertatori di procedere al sequestro cautelare delle cose utilizzate a commettere la violazione o che ne sono il prodotto.

Ordinanza n. 95 del 9 Ott. 2008 – Contrasto al commercio abusivo in forma itinerante su aree pubbliche

In tutto il territorio comunale è vietato il trasporto e l’utilizzo di brande metalliche, carretti o altri supporti che vengono collocati su suolo pubblico per la vendita su aree pubbliche in forma itinerante anche da parte dei soggetti muniti di regolare autorizzazione.  E’ inoltre  vietata l’esposizione di merce, finalizzata alla vendita, direttamente sul suolo pubblico anche se depositata in borsoni o altri contenitori. In caso di violazione della presente ordinanza, senza pregiudizio per l’azione penale, è prevista la sanzione pecuniaria dell’importo compreso tra € 25,00 ed € 500,00 con pagamento in misura ridotta dell’importo di € 300,00, nonché la sanzione accessoria della confisca della merce e delle attrezzature o delle cose utilizzate per commettere la violazione. L’organo di polizia procede al sequestro amministrativo della merce e delle attrezzature stesse. In caso di reiterazione delle violazioni, ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative previste, in capo al titolare di licenza verrà disposta la sospensione dell’attività di vendita per un periodo di quindici giorni

Ordinanza n. 96 del 9 Ott. 2008 – Accattonaggio nel territorio comunale

L’accattonaggio non è consentito nei luoghi del territorio comunale di seguito indicati: – intero territorio della 1^ Circoscrizione; – presso le intersezioni stradali; – all’interno e in prossimità dei mercati rionali; – nelle aree prospicienti le stazioni ferroviarie, gli ospedali, le case di cura; – davanti e in prossimità di luoghi di culto e di cimiteri; – davanti o in prossimità degli ingressi di esercizi commerciali; – davanti o in prossimità di uffici pubblici e degli istituti bancari.  – una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25,00 ad euro 500,00, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento, in misura ridotta, della somma di euro 300,00; – la sanzione accessoria della confisca amministrativa del denaro provento della violazione e di eventuali attrezzature impiegate nell’attività.

Annunci

Responses

  1. “Contrasto alla occupazione illecita di suolo pubblico”
    Mentre In modo lecito saranno permesse le DETURPAZIONI del suolo pubblico

    “Contrasto all’attività di ‘lavavetri’”
    Il lavavetri, la minaccia del XXI secolo.
    L’attività di bancarotieri e corruttori non è niente in confronto a questi diavoli assetati di sangue e non rappresenta un pericolo per la sicurezza, anzi loro stanno proprio SICURISSIMI.
    LORO.

    “Contrasto al danneggiamento, deturpamento e imbrattamento immobili”
    Divieto di porto ingiustificato di bombolette spray.
    Si sa, le bombolette vaganti sono un pericolo per la salute dei reggini. (anche se devo ammettere che ste cazzo di bombolette spray sono una bomba contro la natura, e andrebbero vietate,le bombolette…..non i reggini)

    “Obblighi di condotta per i proprietari e i detentori di cani”
    CI STA . Basta una busta e un guinzaglio.

    “Contrasto alla sosta ed allo stazionamento di caravan, autocaravan”
    E nessuno si domanda perchè queste bestie sono costrette a vivere in quelle condizioni inumane…..i problemi vanno risolti, non “contrastati”….

    “Contrasto alla prostituzione su strada”
    E’ancora permessa quella “in pista”?

    “Contrasto al commercio abusivo in forma itinerante su aree pubbliche”
    …….(un’altra piaga del secolo)

    “Accattonaggio nel territorio comunale.
    una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 25,00 ad euro 500,00”

    I mendicanti saranno multati (Parola del Signore)


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: