Pubblicato da: Massimo Calabrò | 2 dicembre, 2008

Torneo interprofessionale; Giornalisti, l’onore è salvo

Image Hosted by ImageShack.us

 

Che squadra i giornalisti. Si, certo, una matricola per il torneo interprofessionale Uisp, certamente debole, ma con grinta da vendere. La partita di stasera contro i forti e già rodati commercialisti è iniziata, come le altre, male. Un po come la Reggina in trasferta. Il tempo di organizzarci e già eravamo sotto di 3 reti. Giornalisti con la panchina corta (un solo sostituto) e con 2 infortunati forzatamente in campo. Primo tempo senza storia. Un 5 a 1 che non da scampo. Nella ripresa un’altra squadra. Trasformata, grintosa, decisa su ogni palla. Insomma come la Reggina di Scala o quella del -15, poi -11, di mazzarriana memoria, trascinata dal leader Polimeno. Uno per cui vale la pena pagare per vedere. In sintesi la gara si è conclusa 8 a 5 per i commercialisti, quindi il secondo tempo (almeno questo) lo abbiamo vinto noi 4 a 3. E non è poco. I farmacisti sono avvertiti. Nonostante tutto un piccolo record c’è. Siamo l’unica squadra, tra tutte quelle sconfitte durante le prime quattro giornate, ad aver segnato 5 reti.

Pagelle:
Baccillieri 7 Si sacrifica in porta e, complice qualche sbavatura in difesa, viene bucato. L’occhio di portiere c’è. Meglio la partita scorsa. Sicuro nelle uscite.  
Comandè 7,5 Pian piano sta tornando ai vecchi fasti quando dalle sue parti non passava nessuno. Tiene sempre la posizione.
Minniti 7 E’ infortunato e si vede. Stoico a giocare con una gamba sola. Esce per il riacuttizzarsi di un dolore.
Iriti 8 La scorsa partita aveva altri pensieri e si sa “il calcio (o altro??) non voli pinseri”. Il prossimo viaggio madrileno (con annessi giochini…) gli da grinta e lucidità tattica.
Cordova 7 Pedina ormai inamovibile. Ha conquistato il posto da titolare grazie a prestazioni attente ed equilibrate.
Calabrò 7 Non era al massimo a causa di una botta rimediata nel corso della partitella infrasettimanale. Un secondo tempo con i fiocchi. Tutto grinta e cuore.
Bandiera 7 Il fiato sta arrivando, i piedi sono sempre ottimi. Il centrocampo è ormai “zona” sua. Sul 7 a 5 sfiora il gol che avrebbe riaperto la partita.
Giordano 8 Un faro a centrocampo. Illumina il gioco e non da riferimenti agli avversari. Sempre presente in fase propositiva. Lo trovi ovunque.
Scevola 7 Parte in difesa poi si sposta a centrocampo. Quando si tratta di “questioni” c’è sempre. Insostituibile.  Esperienza da vendere.
Gangemi 7 Un secondo tempo tutto squadra e difesa. Probabilmente ha scoperto, in quella parte del campo, una seconda giovinezza.
Licordari 8 Aveva promesso agli amici, ma soprattutto alle amiche  “feisbucchiane” un gol. Lo ha fatto. Caparbietà e tecnica sopraffina le sue doti. Egoismo a parte.
Polimeno 9 Se Lillo Foti dovesse leggere queste pagelle è importante che sappia che il nostro bomber è “megghiu i Rakic e Stuani messi assieme”. Quattro gol di classe, dribbling e soprattutto tanto ma tanto sacrificio. Immenso.

Pagella anche per l’amico commercialista che si diletta a fare il giornalista:
Febert 8 tocca il pallone come quando, negli anni 80 toccava il megafono in curva sud. Assieme cantavamo “Pianca gol” e lui giocando, si ricorda dell’ex rosso amaranto. Leader silenzioso.

Annunci

Responses

  1. La cura-Latella comincia a dare i suoi frutti! 😀


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: